“Scusate l’abbiamo fatto per soldi e non per creare caos o disagi ai consumatori” Così rivendicano l’attacco gli hacker di Darkside.

La dichiarazione dei criminali informatici dovrebbe far riflettere sul valore reale che hanno i dati di cui dispongono tutte le aziende.

Lo sanno bene i criminali che infatti intensificano le loro campagne malevole. Chi sembra non averlo ancora capito sono le aziende, soprattutto quelle di casa nostra.

Ormai da diverso tempo le aziende, ed in particolare quelle italiane, sono nel mirino dei pirati informaticiVediamo una breve, sottolineo breve, carrellata degli ultimi più eclatanti attacchi.

MICROSOFT EXCHANGE SERVER  

Lo scorso marzo è stato scoperto un attacco hacker a Microsoft Exchange Server, il software che organizzazioni e aziende in tutto il mondo usano per gestire email e calendari

'CATENA DEL FREDDO'

Nel dicembre scorso, Ibm - azienda statunitense tra le più importanti al mondo nel settore informatico - ha lanciato un monito sulle attività di hackeraggio che miravano alla 'catena del freddo' necessaria alla distribuzione dei vaccini anti-Covid

E IN ITALIA?

Boggi, Axios, il registro elettronico, Carteni Auto, oggi Zambon ed una lunga serie di piccole aziende sono state vittime attacchi informatici. Il numero elevato di eventi di questo tipo non ci sorprende: l’Italia è nella top 10 delle nazioni più colpite dai cybercriminali. Negli ultimi mesi sono cresciuti in modo esponenziale gli attacchi ad aziende piccole e grandi.

IL REGISTRO ELETTRONICO AXIOS

Come non ricordare i disagi informatici che hanno accompagnato il rientro a scuola, ad aprile 2021, per 5,6 milioni di alunni. Il registro elettronico Axios è andato fuori uso a causa di un attacco hacker e poi è stato ripristinato

ATC PIEMONTE CENTRALE

Ad aprile 2021 un altro attacco hacker ha colpito il sistema informatico di Atc

IL MAXI-ATTACCO

Nel novembre 2020 un cyberattacco ha colpito oltre 300 organizzazioni private e pubbliche in Italia. L'hackeraggio sarebbe partito da un Ip esterno all'Unione europea, come spiegato da Yarix, divisione digital security di Var Group, società che si occupa di sicurezza informatica

Per quanto riguarda le modalità di attacco nella maggior parte dei casi si tratta della classica email di phishing aperta da un dipendente, o, come nell’esempio citato, di un attacco che sfrutta le falle dei server di Exchange.

La maggior parte degli attacchi sfruttano le debolezze nei sistemi informatici oppure, attraverso email malevole, gli anelli deboli della catena: gli esseri umani.

L’unico modo per limitarli e minimizzare i danni è capire che la sicurezza, sia sottoforma di strumenti, che di aggiornamenti ed, infine, di educazione, non è un costo per l'azienda ma è un investimento.

Martinelli S.r.l. Via Circonvallazione N/E, 98 - 41049 Sassuolo (MO) | Tel: 0536 868611 Fax: 0536 868618 | info@martinelli.it
P.Iva 02262430362 - C.F. 01413050350 - Iscriz. registro Imprese di Modena 01413050350 - Capitale Sociale 350.000 i.v.

Another Project By: Marketing:Start!