Da qualche giorno in vendita sul Dark Web c’è praticamente di tutto: documenti, multe, email, ecc Sembrava “solo” un attacco ransomware, invece da ieri i dati sottratti ai comuni italiani nelle scorse settimane sono in vendita sul darkweb.

Articolo originale su In4mati.com
Autore: Luigi Duraccio

All’inizio sembrava “solo” un attacco ransomware, finalizzato ad ottenere un riscatto per la restituzione dei dati criptati. Da qualche giorno, invece, sul Dark Web, sono in vendita i dati personali dei cittadini coinvolti nell’attacco informatico.

Per il comune di Brescia, in particolare, si tratta di un vero incubo. L’attacco ransomware che lo vede coinvolto è iniziato a fine marzo ma, ad oggi, le operazioni di ripristino della normalità non si sono ancora concluse.

Inizialmente il Comune lo aveva escluso ma, oggi, è invece certo che i dati siano stati sottratti.

Tali dati , che è possibile visionare con i “sample” che i cybercriminali distribuiscono per attestare che ne sono davvero in possesso, provengono dal sistema che gestisce le gare e gli appalti, dalla piattaforma per le pratiche edilizie, e dal il sistema scolastico e cimiteriale; ancora risultano presenti dati provenienti da database dell’Ufficio Ragioneria, dell’Anagrafe e della Polizia locale

Tuttavia Brescia non è sola: condividono questa disavventura anche i comuni di Rho e Caselle Torinese.

Anche in questi casi, prima di essere criptati, i dati sono stati scaricati e messi in vendita sul Dark Web.

Ma perché gli attacchi si rivolgono a comuni ed istituzioni?

Da una analisi degli attacchi del ramsonware DoppelPaymer, lo stesso che ha colpito il comune di Brescia, quello di Rho e quello della città di Caselle Torinese, risulta che le vittime sono assolutamente casuali. Questo tipo di attacchi vengono distribuiti a tappeto, in ogni parte del mondo, senza una logica precisa.

Quello ai Comuni infatti è solo l’ultimo di una serie di attacchi ransomware che sta colpendo le aziende italiane. Boggi, Axios, il registro elettronico, Carteni Auto, ed una lunga serie di piccole aziende; in questi casi non c’è stata la copertura mediatica determinata dalla importanza dei soggetti coinvolti, i comuni appunto.

Per quanto riguarda le modalità di attacco non è difficile pensare alla classica email di phishing aperta da un dipendente, o ad un attacco sfruttando le falle dei server di Exchange. Infatti in alcune mail di cui si sono impossessati i cybercriminali, provenienti dai server del comune di Brescia, si capisce chiaramente che il server utilizzato era Microsoft Exchange.

Questo tipo di attacchi approfittano sempre di lacune e vulnerabilità, di errori umani.

Quanto descritto, e il numero sempre maggiore di attacchi contro imprese e istituzioni italiane, dovrebbe far capire quanto la sicurezza sia importante e la formazione in questo ambito siano fondamentali. La sicurezza al 100% non è raggiungibile e attacchi di questo tipo sono sempre possibili. Gli obiettivi sono sempre gli anelli deboli della catena, gli esseri umani.

L’unico modo per limitarli e minimizzare i danni è capire che la sicurezza, sia sottoforma di aggiornamenti che di educazione, non è un costo per l’azienda ma è solo un investimento.

Martinelli S.r.l. Via Circonvallazione N/E, 98 - 41049 Sassuolo (MO) | Tel: 0536 868611 Fax: 0536 868618 | info@martinelli.it
P.Iva 02262430362 - C.F. 01413050350 - Iscriz. registro Imprese di Modena 01413050350 - Capitale Sociale 350.000 i.v.

Another Project By: Marketing:Start!